L’Alfa Giulia accende i riflettori sulle vetture FCA

Il Biscione trascina in alto l’interesse per le vetture del Gruppo FCA. La grande attesa per i nuovi modelli dell’Alfa Romeo, Giulia in testa, ha fatto letteralmente...

L’Alfa Giulia accende i riflettori sulle vetture FCA

Il Biscione trascina in alto l’interesse per le vetture del Gruppo FCA. La grande attesa per i nuovi modelli dell’Alfa Romeo, Giulia in testa, ha fatto letteralmente schizzare in alto le ricerche di vetture di Fiat Chrysler Automobiles su AutoScout24, il sito leader per la compravendita di veicoli online con oltre 2,5 milioni di annunci. I dati parlano chiaro: le ricerche di vetture di Arese hanno registrato a maggio un boom del 50% rispetto al mese precedente.

Incremento importante anche per la Fiat che ha fatto segnare un 42% di aumento, come del resto un altro marchio protagonista del rilancio del gruppo, la Jeep. Segue un’altra casa torinese, la Lancia, che ha registrato un aumento del 40%. Ottima la performance della Maserati. Le ricerche di auto del Tridente a maggio hanno registrato un aumento del 36%. Chiude un altro brand sinonimo di sportività e soprattutto di italianità, l’Abarth, che realizza le versioni “corsaiole” delle Fiat. Le auto dello Scorpione hanno messo a segno un aumento delle ricerche 32%.

La conferma che il rinnovato interesse per le vetture del Lingotto è merito dell’Alfa Romeo, viene dai dati relativi ai modelli più ricercati.

Spiccano, infatti, due vetture emblema del nuovo corso intrapreso da “Arese”. La nuovissima Giulia, entrata in commercio alla fine di maggio, proprio lo scorso mese ha registrato un aumento di ricerche di annunci del 170% sull’onda della presentazione ufficiale alla stampa della gamma avvenuta il 10 sulla pista sperimentale di Balocco. La curiosità del pubblico di appassionati nei confronti di questo modello che dovrebbe rinverdire i fasti del Biscione di un tempo, ha riacceso l’attenzione nei confronti dei modelli a trazione posteriore della casa: non a caso l’Alfa Romeo 4C, è stata protagonista di un incremento del 74%.

Passando al costo generale dell’usato in piattaforma nel mese di maggio si segnala che l’Agpi, ovvero l’indice che misura il costo medio di tutte le inserzioni (oltre 415mila), rimane stabile risultando a maggio pari a 13.538 euro contro i 13.537 euro di aprile. Sul fronte dei modelli più ricercati la VW Golf si conferma prima, seconda la sua storica rivale, la Bmw Serie 3. Sul gradino più basso del podio passaggio di testimone fra due “sorelle” con l’Audi A4 che scalza l’A3. A conferma di una ritrovata vitalità del made in Italy si segnala anche a maggio la presenza nella top ten di ben due vetture FCA: una, la Panda, rimane anche a maggio sesta (a marzo era nona), la 500, nona.

Potrebbe interessarti...