Bing predice i risultati della Serie A e della Champions League

Il motore di ricerca di Microsoft racconta il mondo del calcio italiano con previsioni, approfondimenti e statistiche grazie all’analisi dei Big Data

Prevedere il risultato di una partita di Serie A o della Champions, ora è molto più facile grazie al nuovo servizio di Bing, il motore di ricerca di Microsoft, “La passione per il calcio” con tutti i pronostici dedicati alla Seria A e alla Champions League. Al Santiago Bernabéu di Madrid si è tenuta oggi la presentazione del nuovo servizio Bing alla presenza di tre giocatori del Real Madrid, Kroos, Jose Rodriguez e Kovacic, che hanno testato di persona le nuove possibilità offerte dalla piattaforma Microsoft per vivere in modo nuovo la passione per il calcio.

Bing riesce a predire il probabile risultato di eventi futuri, come le partite, grazie ai big data: nel caso della Serie A e della Champions ad esempio, il motore di ricerca analizza enormi volumi di dati riguardanti le squadre, come i risultati delle precedenti partite, i margini di vittoria in ogni sfida, chi gioca in casa e le condizioni meteorologiche dei luoghi in cui si disputano gli incontri, oltre a molti altri fattori. Inoltre l’algoritmo progettato da Microsoft è in grado di incrociare tutte queste informazioni con le percezioni espresse dai fan attraverso le loro ricerche su Bing e sui social network. L’insieme dei dati, analizzate con tecniche di apprendimento automatico, assegnano a ogni squadra una percentuale di probabilità di vittoria, pareggio o sconfitta, che il motore di ricerca pubblica insieme alle informazioni su ogni incontro.

Per poter accedere a questa esperienza basta visitare www.bing.it e digitare “Serie A” o il nome di una squadra di calcio. La pagina è stata inoltre arricchita con informazioni dettagliate relative ai giocatori, alle squadre e agli stadi di calcio.

Questo sistema di pronostici è già stato testato con successo su diversi eventi sportivi, politici e sociali. Per esempio, in occasione dei mondiali di calcio in Brasile, nel 2014, Bing predisse il risultato di 15 su 16 partite nella fase a gironi. Inoltre, in Gran Bretagna la percentuale di successo dei pronostici di Bing per le partite di calcio della Premier League ha superato quella di servizi simili offerti dalle agenzie di scommesse. Anche in politica durante le ultime elezioni parlamentari statunitensi, Bing indovinò 34 su 35 senatori, 33 su 36 governatori e il 96% della Camera dei rappresentanti. Bing ha anche predetto la vittoria del no nel referendum di indipendenza della Scozia. In entrambi i casi, prima che venisse registrato un solo voto.

Gli Oscar di quest’anno sono stati un’altra dimostrazione delle capacità predittive della piattaforma di Microsoft, che ha fatto centro con 17 dei 24 premi consegnati, inclusi 8 delle 10 categorie principali. Qualcosa di simile è successo nell’ultima edizione dell’Eurovision Song Contest, dove i dati analizzati indicavano che avrebbe vinto la Svezia. E così è stato. Il motore di ricerca di Microsoft le aveva assegnato probabilità di vittoria superiori al 17%. E aveva anche previsto che Russia e Italia avrebbero affiancato la Svezia sul podio.

Bing, una tecnologia di ricerca che anticipa le esigenze degli utenti

Bing è molto più di un motore di ricerca. La piattaforma di ricerca di Microsoft va ben oltre la ricerca tradizionale sul Web e consente agli utenti di approfittare meglio del tempo dedicato alle loro richieste di informazioni, grazie a un metodo di ricerca differenziale e intelligente. Bing anticipa le esigenze degli utenti offrendo loro le informazioni richieste, nel modo più semplice e rapido possibile, infatti l’integrazione di Bing su piattaforme di terzi e in altri prodotti di Microsoft rappresenta un enorme vantaggio per gli utilizzatori. Cortana, l’assistente personale di Microsoft, si avvale del potenziale di Bing per aiutare i consumatori nei loro compiti quotidiani, come l’invio di e-mail, la pianificazione di eventi e la ricerca su diversi dispositivi o su Internet. Ad esempio, Cortana analizza l’agenda dell’utente e lo avvisa prima di un appuntamento se in quel momento c’è traffico per strada, o gli ricorda di parlare di un argomento importante con un particolare contatto quando quest’ultimo gli telefona. E tutto questo automaticamente.

Potrebbe interessarti...