Richiamo Auto Volkswagen Audi per problemi airbag

RICHIAMO AUTO – Il costruttore auto tedesco Volkswagen ha annunciato un richiamo di circa 600 mila veicoli negli Stati Uniti. Si tratta di problemi con l’airbag...

Richiamo Auto Volkswagen Audi per problemi airbag

RICHIAMO AUTO – Il costruttore auto tedesco Volkswagen ha annunciato un richiamo di circa 600 mila veicoli negli Stati Uniti. Si tratta di problemi con l’airbag e di surriscaldamento delle pompe dell’acqua di veicoli sul mercato domestico. Secondo la US Transportation Security Administration (NHTSA), sono soprattutto colpiti i veicoli del marchio Audi. Il richiamo degli Stati Uniti arriva dopo una serie di incidenti in Cina e Israele nel 2016.

La casa automobilistica tedesca ha dichiarato Sabato che il richiamo colpisce circa 234 mila modelli Audi A5 costruiti per gli Stati Uniti negli anni dal 2011 al 2017. Un problema di corrosione, potrebbe impedire l’apertura corretta degli airbag. Altro difetto riguarda le pompe di raffreddamento difettose installate in più di 342 mila Audi A4s, A5s, A6s e Q5s prodotte dopo il 2012 che possono surriscaldarsi e causare incendi. Altri 5901 modelli di Audi A4, A6, Q7 e Q5 costruiti fra il 2017 e 2018 hanno problemi con le cinture di sicurezza difettose.

Anche i marchi Volkswagen, come le Golf 2016 e 2017 così come il modello della Tiguan 2017 soffrono tutti degli stessi potenziali difetti.

Gli airbag ed i pretensionatori delle cinture di sicurezza sono molto particolari, a partire dalla loro costruzione, che coniuga elettricità/elettronica, meccanica e pirotecnica. Essi devono rimanere stabili per anni, ad onta di vibrazioni, sbalzi di temperatura e invecchiamento, per poi funzionare, una sola volta ma al momento giusto. Se c’è qualche intoppo alcune volte la colpa è di questi componenti ed è proprio questo quel che è capitato a vari modelli del gruppo.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari AUDI Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

Potrebbe interessarti...