Olimpiadi: Federica Pellegrini Super Star

Uno studio relativo alle Olimpiadi di Rio 2016, condotto da L’Eco della Stampa sugli articoli pubblicati dai media italiani in relazione ai Giochi. L’analisi ha evidenziato i seguenti dati principali. I campioni italiani più seguiti dei media. Vince...



Gli atleti della piscina sono i più citati tra gli olimpionici su stampa e web

Uno studio relativo alle Olimpiadi di Rio 2016, condotto da L’Eco della Stampa sugli articoli pubblicati dai media italiani in relazione ai Giochi. L’analisi ha evidenziato i seguenti dati principali.

I campioni italiani più seguiti dei media. Vince la piscina con Pellegrini – nella foto – (1023 articoli), Tania Cagnotto (682) e Gregorio Paltrinieri (595). Anche tra le star internazionali il nuotatore Phelps (795) batte Bolt (623).

Gli sport olimpici a cui sono stati dedicati più articoli. Atletica (2095), nuoto (1389) e scherma (1012). Grazie ai Giochi, per spada, fioretto e sciabola registrata una media quotidiana di articoli pari a 10 volte i pezzi non connessi alle Olimpiadi pubblicati da gennaio a luglio.

Pubblicati 19170 articoli sulle Olimpiadi su stampa e web, dedicate 340 ore in radio e tv dal 1 gennaio al 16 agosto. Le Olimpiadi non tolgono al calcio lo scettro di sport più seguito in Italia. Da gennaio a luglio il numero degli articoli dedicati al pallone è circa dieci volte superiore a quelli su Rio 2016 (oltre 195000).

Lombardia (1519 articoli), Veneto (1146) ed Emilia-Romagna (866) le regioni più interessata all’evento, con particolare attenzione al nuoto. Seguono Sicilia, Lazio e Campania.

***

Alle Olimpiadi di Rio nuoto e sport acquatici battono tutti. Federica Pellegrini, Tania Cagnotto e Gregorio Paltrinieri sono, infatti, gli sportivi più citati dai media italiani tra gli atleti impegnati nelle Olimpiadi di Rio 2016. Tra le star internazionali, Michael Phelps ha raccolto più interesse perfino di Usain Bolt. A registrarlo è uno studio sugli articoli apparsi sulle principali testate italiane[1] condotto da L’Eco della Stampa, leader italiano e tra i più importanti operatori europei nell’industria del media intelligence.

Calcio-Olimpiadi: 10 a 1

Alle Olimpiadi sono stati dedicati complessivamente 19.170 articoli dal 1 gennaio al 16 agosto 2016, con un interesse crescente nel tempo: partendo dai 943 articoli di gennaio, si è arrivati al prevedibile boom di agosto, con 6.896 pezzi pubblicati solo nella prima metà del mese. Radio e tv hanno dedicato ai Giochi di Rio circa 340 ore di trasmissioni. Un’attenzione elevata, ma che non si avvicina neanche lontanamente a quella riservata dai media al calcio durante l’anno. Lo sport più seguito in Italia, infatti, ha fatto rilevare solo da gennaio a luglio oltre 195.000 articoli dedicati – circa dieci volte il numero di quelli relativi alle Olimpiadi – e quasi 4.300 ore di trasmissioni radio e tv.

Campioni della piscina, “re” dei media

Analizzando quanto apparso su stampa e web, la medaglia d’oro dell’atleta italiana preferita dai media va a Federica Pellegrini: tra l’1 e il 16 di agosto sulla portabandiera azzurra sono stati pubblicati ben 1.023 articoli, tra anticipazioni della cerimonia d’apertura, attese del pre-gara e commenti successivi. Sul secondo gradino del podio tra gli sportivi azzurri protagonisti su quotidiani e siti web c’è Tania Cagnotto, con 682 pezzi dedicati alle due medaglie vinte e al prossimo ritiro della tuffatrice. Il bronzo dell’attenzione mediatica rimane ancora in piscina con il trionfatore della 1.500 metri stile libero, Gregorio Paltrinieri, che si aggiudica 595 articoli. Tanta attenzione anche per le due medaglie d’oro di Niccolò Campriani, quarto con 571 pezzi, e i due bronzi di Gabriele Detti, a quota 565. Completano la top 10 degli atleti italiani di cui le testate giornalistiche nazionali hanno parlato di più gli schermidori Elisa Di Francisca (523 articoli), Daniele Garozzo (512) e Rossella Fiamingo (502). Chiudono lo sfortunato Vincenzo Nibali (454 pezzi) e Fabio Basile (369), che con la sua vittoria ha segnato la 200ma medaglia d’oro per l’Italia alle Olimpiadi.

Anche tra gli sportivi internazionali piscina batte pista

L’atleta straniero più citato sui media italiani è infatti Michael Phelps, il pluri-medagliato nuotatore statunitense a cui sono stati dedicati 795 articoli.

Segue, come prevedibile, Usain Bolt che raccoglie 632 pezzi. Si torna in acqua per il terzo gradino del podio, con Katie Ledecky, che oltre alle 5 medaglie vinte in piscina si aggiudica 383 articoli. Molto spazio anche alle superstar del tennis, infatti Andy Murray (374 pezzi) e Rafael Nadal (304) si aggiudicano la quarta e la quinta piazza, precedendo il nuotatore Sun Yang (249 articoli), ancora il tennista Novak Djokovic (232), il velocista Justin Gatlin (220) e la nuotatrice Sarah Sjöström (197). Chiude la classifica degli atleti internazionali più citati dai media di casa nostra un altro campione del tennis, Juan Martín del Potro, a quota 187.

Spazio agli sport “minori”

Le Olimpiadi sono un’occasione di visibilità soprattutto per discipline sportive che durante l’anno trovano poco spazio sui giornali. Tra gli sport a cui le testate italiane hanno dedicato maggiore attenzione nel periodo olimpico (dal 1 al 16 agosto) si piazzano nei primi tre posti l’atletica, con 2.095 articoli dedicati, il nuoto con 1.389 pezzi e la scherma, a quota 1.012. Alle gesta dei campioni della piscina sono stati dedicati in media 86 articoli al giorno, oltre il triplo di quelli senza connessione con le Olimpiadi pubblicati quotidianamente durante i primi 7 mesi dell’anno (erano in media 25). Sui fuoriclasse di spada, sciabola e fioretto sono stati scritti 63 pezzi ogni giorno, quasi 10 volte quelli pubblicati quotidianamente da gennaio a luglio (meno di 7 in media). Seguono nella top 10 degli sport olimpici più seguiti dai media italiani: il ciclismo (796 articoli), il judo (669), il tennis (634), i tuffi (593), il beach volley (539), il canottaggio (533) e il tiro a segno (498). Quest’ultimo durante i Giochi fa registrare un numero di articoli quotidiani pari a 30 volte quelli pubblicati giornalmente nel corso dei primi 7 mesi dell’anno e non collegati a Rio 2016.

Il doping interessa più di terrorismo e Zika

Tra i temi di attualità connessi alle Olimpiadi, il doping ha destato più attenzione rispetto al terrorismo e al rischio Zika. Alle minacce di attentati, infatti, sono stati dedicati 1.154 articoli da gennaio, mentre il virus Zika è apparso solo in 474 casi. A farla da padrone è stato, invece, il caso doping che solo dal 1 luglio a oggi ha fatto registrare 2.887 pezzi, la maggioranza dei quali relativa al caso Schwazer (citato in 1.417 occasioni).

Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna amano Olimpiadi e nuoto

Analizzando il numero di articoli apparsi sulle principali testate locali italiane dal 1 di agosto, la regione più interessata ai Giochi di Rio sembra essere la Lombardia, con 1.519 pezzi. Al secondo e posto troviamo i 1.146 articoli del Veneto e gli 866 dell’Emilia-Romagna. Nelle tre regioni lo sport a cui è stato dedicato maggiore spazio è il nuoto. Al quarto posto tra le regioni che hanno parlato di più di Olimpiadi si piazza la Sicilia, con 682 pezzi e la scherma protagonista sulle testate dell’isola. Seguono a pari merito Lazio e Campania, con 631 articoli, che danno spazio rispettivamente a tennis e canottaggio.

Potrebbe interessarti...