Nuova legge sui Servizi Digitali (DSA): l’Unione Europea aumenterà la censura sui Social Network?

Con la nuova legge sui servizi digitali (DSA) dell’Unione Europea, le aziende tecnologiche, come Facebook, Instagram, Twitter, Youtube e Google, dovranno rispettare i nuovi requisiti per censurare i contenuti indesiderati dalla nuova normativa...



Nuova legge sui Servizi Digitali (DSA): l'Unione Europea aumenterà la censura sui Social Network?

Con la nuova legge sui servizi digitali (DSA) dell’Unione Europea, le aziende tecnologiche, come Facebook, Instagram, Twitter, Youtube e Google, dovranno rispettare i nuovi requisiti per censurare i contenuti indesiderati dalla nuova normativa e in particolare quelli che chiamano ‘disinformazione‘ sulle loro piattaforme, dopo che funzionari del Parlamento europeo, della presidenza francese del Consiglio dell’UE e della Commissione hanno concordato il 23 aprile 2022 il nuovo insieme di regole su come i grandi giocatori di Internet dovrebbero moderare e gestire le pubblicazioni degli utenti.

Digital Service Act

La nuova legge del Digital Service Act si presenta sotto un insieme di buone intenzioni, come la ‘tutela della privacy‘, e la prevenzione di atti illegali, come il “terrorismo”, lo “sfruttamento sessuale dei bambini”, ecc., tutte questioni che sono sempre state, logicamente, vietate da legge diverse piattaforme. Tuttavia, il vero obiettivo politico di questo tipo di legislazione, poiché le ONG come Amnesty hanno già esposto ai leader politici globali di oltre oceano, come Barack Obama e Hillary Clinton, sarà controllare e censurare ciò che i Fact Checkers considereranno d’ora in poi come ‘disinformazione’ o l’ampia categoria di ‘incitamento all’odio’.

Il portale europeo “Politico.eu” spiega:

“In futuro, i regolatori controlleranno gli sforzi dei colossi tecnologici per fermare la diffusione delle falsità, dal momento che le battaglie informative sono venute alla luce durante la pandemia di coronavirus e il conflitto dall’Ucraina. Garantiranno che le grandi aziende digitali abbiano un controllo migliore sugli algoritmi che possono promuovere contenuti estremi e insicuri”.

L’uso dell’intelligenza artificiale per rimuovere i contenuti indesiderati

Le aziende dovranno pubblicare rapporti semestrali dettagliati sui loro sforzi di moderazione, incluso il numero di personale, l’esperienza, le lingue parlate e l’uso dell’intelligenza artificiale per rimuovere i contenuti indesiderati. Verrà chiesto loro di rivelare il numero di account che hanno sospeso e il contenuto che hanno rimosso.

Sanzioni per non conformità fino al 6% delle entrate globali, come ricordato da Kontrainfo, colpiranno giganti dei social media come Facebook e Instagram, motori di ricerca come Google, piattaforme di streaming di podcast come Spotify e mercati online come Amazon. L’ultima minaccia sarebbe il bando delle aziende che infrangono ripetutamente le regole.

La legge sui servizi digitali è una pietra miliare importante”, ha affermato il commissario per il mercato interno Thierry Breton. “Questa è la prima volta in 20 anni che l’Europa affronta la regolamentazione dello spazio digitale e dell’informazione”.

Sono preoccupato per dove sta andando l’Europa. Ciò che viviamo ora non è niente in confronto a ciò che verrà. I social network, promossi dai governi, intervengono nelle informazioni legali e sono protetti dal fatto che i contenuti possono essere ‘inappropriati o dannosi’. Siamo dediti, non possiamo andare oltre il principio di legalità“, denuncia Borja Adsuara, dottore in giurisprudenza ed esperta di affari pubblici e comunicazione digitale.

La censura in Europa

La censura in Europa si è intensificata con l’operazione militare russa in Ucraina: “Praticamente in tutti i Paesi dell’Unione Europea hanno vietato le trasmissioni in lingua russa e siamo tutti testimoni della violazione del diritto alla libertà di espressione“, ha detto Tatiana Moskalkova, la Russia è responsabile dei diritti umani.

Il DSA, che potrebbe entrare in vigore prima della fine dell’anno, è stato chiesto oltre l’Europa: l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha chiesto regole sui social media per “fermare la crescente polarizzazione politica“. Giovedì l’ex segretario di Stato americano Hillary Clinton ha esortato i funzionari dell’UE a raggiungere un accordo sulla DSA e a “rafforzare la democrazia globale prima che sia troppo tardi” poiché, secondo lei, “Per troppo tempo, le piattaforme tecnologiche hanno amplificato in modo inspiegabile la disinformazione e l’estremismo. L’UE è pronta a fare qualcosa al riguardo“. Non è quindi molto difficile dedurre quali settori politici sono indietro e trarranno vantaggio da queste nuove normative sul controllo dei contenuti di Internet.

Potrebbe interessarti...