Entro il 2030 la domanda di energia e acqua crescerà del 50% e richiederà un investimento di capitale sull’infrastruttura idrica tre volte superiore a quello attuale

Nel 2030 il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, ma il 60% degli insediamenti urbani non è ancora stato costruito. Il Consiglio Mondiale dell’Acqua...



Nel 2030 il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, ma il 60% degli insediamenti urbani non è ancora stato costruito. Il Consiglio Mondiale dell’Acqua si unisce ai maggiori network urbani per un mondo con acqua sicura. Entro il 2030 la domanda di energia e acqua crescerà del 50% e richiederà un investimento di capitale sull’infrastruttura idrica tre volte superiore a quello attuale. Entro il 2030 oltre il 40% della popolazione mondiale vivrà lungo bacini fluviali con problematiche di natura idrica, e il 20% della popolazione sarà a rischio alluvioni.

Marsiglia, Brasilia, Bonn, Barcellona, 21 novembre 2017– Nei prossimi dieci anni, il 70% della popolazione mondiale vivrà nelle città, ponendoli al centro dei temi legati allo sviluppo sostenibile e ad altre sfide globali, tra cui i cambiamenti climatici. Alla luce di questo dato, quattro organizzazioni hanno unito le forze per dare il loro sostegno. Local Governments for Sustainability (ICLEI), United Cities and Local Governments (UCLG), la Global Water Operators’ Partnerships Alliance (GWOPA/UN-Habitat), la Confederazione Brasiliana delle Municipalità (CNM) e il Consiglio Mondiale dell’Acqua (WWC) stanno riunendo allo stesso tavolo i decision-maker, i leader locali e gli esperti del settore al fine di affrontare le sfide legate all’acqua a livello locale. Quest’anno, le Nazioni Unite hanno scelto il tema Innovative Governance, Open Cities per mettere l’accento sull’importanza dell’urbanizzazione come fonte di sviluppo globale e inclusione sociale.

L’urbanizzazione in atto è una delle tendenze più trasformative del ventunesimo secolo. Le città sono il motore trainante della crescita economica sostenibile, dello sviluppo e della prosperità sia nei paesi sviluppati sia in quelli in via di sviluppo. Attualmente, il 54% della popolazione mondiale (4 miliardi di persone) vive in aree urbane. Entro il 2030, 2 miliardi di persone si saranno trasferite in città, con un impatto senza precedenti sulle infrastrutture e le risorse esistenti, soprattutto per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico. Le dieci città più popolose al mondo saranno Tokyo (37.2 milioni), Delhi (36.1 milioni), Shanghai (30.8 milioni), Mumbai (27.8 milioni), Pechino (27.7 milioni), Dacca (27.4 milioni), Karachi (24.8 milioni), Il Cairo (24.5 milioni), Lagos (24.2 milioni) e Città del Messico (23.9 milioni). Dal 2016 al 2030, circa il 35% dell’aumento della popolazione interesserà queste 10 mega-città.

Si prevede che entro il 2030 le aree urbane nei paesi in via di sviluppo quali Karachi, Lagos e Dacca supereranno città come New York, Osaka e São Paulo. Questo comporterà un aumento del 50% della domanda energetica e idrica, mettendo alla prova le risorse esistenti e minacciando la sicurezza dell’acqua a livello globale, con ricadute sulla salute pubblica, le economie e lo sviluppo delle regioni interessate. Le soluzioni a livello locale sono le più adeguate per rispondere a problemi di natura locale. Inoltre, è necessario considerare l’impatto sugli ecosistemi idrici costieri, dal momento che tre quarti della popolazione di queste mega-città (76%) vivrà in prossimità del mare. Per questo, gli enti locali e regionali stanno guidando iniziative che possano rispondere alle possibili problematiche in tema idrico, quali gap nella fornitura domestica, i cambiamenti climatici e la crescente domanda di cibo, energia e acqua.

I cambiamenti climatici rappresentano una sfida di primaria importanza per le città, dato che entro il 2030 il 40% della popolazione mondiale vivrà lungo bacini fluviali che potrebbero presentare problemi di vario genere dovuti all’acqua, e il 20% sarà a rischio alluvioni. “Le alluvioni e gli eventi di siccità sono aumentati a livello globale e l’impatto è devastante. Le città del mondo stanno già subendo gli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Le infrastrutture e le abitazioni subiscono danni irreparabili; per questo chiediamo ai governi di essere consapevoli degli effetti positivi che le infrastrutture idriche possono avere nel migliorare o aiutare a gestire simili circostanze”, ha commentato il Presidente del Consiglio Mondiale dell’Acqua Benedito Braga. I finanziamenti dovrebbero quindi interessare le aree e infrastrutture urbane e rurali ed essere al servizio di queste città e dei bisogni a livello locale, che necessitano di soluzioni a livello locale.

In questo solco si collocano vari accordi globali patrocinati dalle Nazioni Unite, quali l’Accordo sul Clima di Parigi, la New Urban Agenda, il Sendai Framework e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG). L’investimento in campo idrico è quindi un fattore chiave nel dar vita a città più sane e con più risorse, garantendo maggiori opportunità di progresso per tutti gli abitanti. “L’acqua occupa un posto di primo piano in tutti questi progetti. Gli enti locali rivestono un ruolo fondamentale nel fornire servizi ai cittadini, nonché infrastrutture adeguate e sostenibili”, ha dichiarato Mohamed Boussraoui della UCLG durante una sessione da lui stesso moderata sul tema delle città resilienti durante la recente Conferenza Internazionale sull’Acqua e il Clima (ICWC) che si è tenuta a Marsiglia gli scorsi 3 e 4 ottobre.

Nonostante l’implementazione di questi progetti competerà soprattutto ai governi nazionali, il loro successo dipende anche dall’impegno e dal rafforzamento degli enti locali e regionali che contribuiranno alla loro realizzazione. Spesso le città e le regioni mancano di una guida che permetta loro di raggiungere gli obiettivi locali e nazionali, e di mettere in atto soluzioni concrete. I sindaci e i network ai quali appartengono devono sviluppare strategie condivise per adottare approcci integrati che possano andare oltre le barriere di natura politica, finanziaria, tecnologica e comportamentale. “Non esiste un collegamento più stretto con i cittadini degli enti locali.

Questo rapporto diretto può aiutarci a mobilitare i cittadini e sensibilizzarli su questi temi più di chiunque altro”, ha commentato il sindaco di Tevragh-Zeina (Mauritania) Fatimetou Abdel Malick durante l’ultima Conferenza Internazionale sull’Acqua e il Clima (ICWC).

L’accordo di partnership appena siglato è un passo importante verso la preparazione e l’organizzazione della Conferenza degli Enti Locali e Regionali che si terrà in concomitanza con il World Water Forum tra il 18 e il 23 marzo 2018 a Brasilia. È attesa una presenza di oltre 30.000 partecipanti al Forum, tra cui leader globali, opinion maker, esperti e professionisti del settore con l’obiettivo di mettere in moto un cambiamento positivo per un mondo con acqua sicura.

Informazioni:

CNM – La Confederazione Brasiliana delle Municipalità è un’associazione che rappresenta le municipalità del Brasile a livello istituzionale e politico presso il Governo Federale del Congresso Brasiliano. Si focalizza sul potenziamento della loro gestione in vari settori, contribuendo alla gestione della policy ambientale attraverso la ricerca, gli studi tecnici, lo sviluppo della strumentazione tecnologica e la consulenza legale. Oltre alla conoscenza in vari framework internazionali, la Confederazione ha implementato iniziative che coinvolgono le municipalità e i manager negli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDG), gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG), la New Urban Agenda e i problemi legati ai cambiamenti climatici. www.cnm.org.br

ICLEI – Local Governments for Sustainability è un’associazione internazionale che rappresenta gli interessi degli enti locali in tutto il mondo e li supporta nell’implementazione dello sviluppo sostenibile. La loro missione include il sostegno a livello globale dei loro interessi e bisogni presso organizzazioni internazionali ma anche a livello locale, fornendo consulenza tecnica, training, e servizi informativi per il potenziamento delle capacità esistenti. www.iclei.org

United Cities and Local Governments (UCLG) dà una voce unitaria e sostegno a livello globale alla self-governance democratica locale. I membri della UCLG rappresentano oltre la metà della popolazione mondiale e sono presenti in 140 paesi membri delle Nazioni Unite e in tutte le regioni del mondo: Africa, Asia-Pacifico, Europa, Eurasia, Medio oriente e Asia Occidentale, America del Nord e America Latina – attraverso sette sezioni continentali, una sezione metropolitana e un Forum delle Regioni. La UCLG conta più di mille città in regioni che sono membri diretti e 155 membri associati tra gli enti locali. Tra i settori chiave di interesse politico della UCLG vi sono la democrazia locale, i cambiamenti climatici e la protezione ambientale, il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, il finanziamento locale, lo sviluppo urbano e la diplomazia delle città nei processi di pace. www.uclg.org

Il Consiglio Mondiale dell’ Acqua – World Water Council:

Il World Water Council (WWC) è una piattaforma internazionale che riunisce vari stakeholder nonché il fondatore e co-organizzatore del World Water Forum. La missione del World Water Council è quella di mobilitare l’azione sui problemi legati all’acqua a tutti i livelli, anche di decision-making, per coinvolgere le persone nel dibattito in corso e mettere in discussione i luoghi comuni sul tema. Il Council si concentra sulla dimensione politica della sicurezza delle risorse idriche, l’adattamento e la sostenibilità, e lavora per mettere l’acqua in cima all’agenda politica. Istituito nel 1996 a Marsiglia, il World Water Council conta tra i suoi membri oltre 300 organizzazioni da oltre 50 paesi.

Per ulteriori informazioni:www. worldwatercouncil.org @ wwatercouncil #wwatercouncil

Potrebbe interessarti...