Belgio: chiusa la fabbrica Kinder da cui ha avuto origine il focolaio di Salmonella

L’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare, autorità incaricata di garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti alimentari in Belgio e di salvaguardare in questo modo la salute di piante, animali e persone (Afsca), ha annunciato...



Belgio: chiusa la fabbrica Kinder da cui ha avuto origine il focolaio di Salmonella

L’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare, autorità incaricata di garantire la qualità e la sicurezza dei prodotti alimentari in Belgio e di salvaguardare in questo modo la salute di piante, animali e persone (Afsca), ha annunciato venerdì di ritirare tutti i prodotti Kinder fabbricati ad Arlon e di ritirare la sua autorizzazione alla produzione da questo sito, a causa di un centinaio di casi di salmonellosi identificati in Europa nelle ultime settimane. “Da allora è stato confermato un legame instaurato a fine marzo, tra questi avvelenamenti e lo stabilimento produttivo Ferrero di Arlon”, sottolinea Afsca.

L’Afsca ritiene che l’azienda Ferrero “deve assumersi la responsabilità” di casi di salmonella nei prodotti Kinder. Da allora, l’Agenzia federale ha condotto un’indagine approfondita presso il sito di produzione di Arlon. “A seguito dei rilievi e a seguito di informazioni incomplete di Ferrero, l’Afsca revoca l’autorizzazione alla produzione dal sito Ferrero di Arlon”, precisa l’Afsca.

“Non abbiamo sufficienti garanzie oggi fornite da Ferrero per poter ritenere di poter continuare a produrre a una settimana da Pasqua. Parliamo anche dei nostri bambini, le campane presto consegneranno le uova di cioccolato ai nostri bambini. Quindi, in condizioni come queste, a causa della mancanza di trasparenza e di informazioni affidabili, non abbiamo altra scelta che ritirare l’autorizzazione alla produzione dallo stabilimento di Arlon”. Finora solo un certo numero di lotti è stato ritirato dalla vendita.

Ma ora l’Afsca ha deciso di richiamare in maniera esaustiva tutti i prodotti tipo ‘Kinder Surprise‘, ‘Kinder Surprise Maxi‘, ‘Kinder Mini Eggs‘ e ‘Schoko-bons‘, indipendentemente dai lotti o dalle date di scadenza. L’Afsca chiede quindi ai consumatori di non consumare nessuno dei suddetti prodotti e invita le società di distribuzione a ritirare dagli scaffali tutti questi dolci. L’Afsca ha anche chiesto a Ferrero “un approccio irreprensibile al cliente” mentre l’azienda italiana è stata oggetto di critiche dall’inizio di questo scandalo sanitario.

L’agenzia federale afferma che sta seguendo da vicino i passi intrapresi da Ferrero e autorizzerà la riapertura del sito solo dopo aver potuto concludere che lo stabilimento soddisfa tutte le norme e i requisiti di sicurezza alimentare. Proseguono intanto le indagini svolte sul sito del gruppo italiano. “Una decisione del genere non è mai presa alla leggera, ma le circostanze attuali lo richiedono”, spiega il ministro dell’Agricoltura, David Clarinval. “La sicurezza alimentare dei nostri concittadini non può mai essere trascurata”. Dal canto suo, Ferrero riconosce in un comunicato “una mancanza di efficienza interna, che ha ritardato la comunicazione delle informazioni”, nonché “mancanze interne” e si scusa.

Il gruppo specifica che sono interessati solo i prodotti fabbricati ad Arlon e insiste sul fatto che rappresentano solo “il 7% del totale dei prodotti Kinder fabbricati ogni anno” nei suoi stabilimenti. L’azienda descrive la chiusura come “l’unica soluzione per garantire il massimo livello di sicurezza alimentare ed eliminare il rischio di ulteriore contaminazione”.

Giovedì l’azienda aveva indicato che la presenza di salmonella era stata rilevata il 15 dicembre su un filtro all’uscita di due cisterne di materie prime nel suo sito di Arlon.

I consumatori con domande devono contattare il servizio clienti Ferrero tramite il call center: [email protected] o 0800 21042.

Potrebbe interessarti...