Diritto del paziente vittima di errori medici: la Cassazione rafforza la tutela

La Cassazione ha stabilito che i pazienti vittime di errori medici hanno diritto a una maggiore tutela: l’Asl è tenuta a risarcire il paziente anche se non prova di aver rifiutato l’operazione se informato sui rischi. Ciò vale anche quando...

Diritto del paziente vittima di errori medici

La Cassazione ha stabilito che i pazienti vittime di errori medici hanno diritto a una maggiore tutela: l’Asl è tenuta a risarcire il paziente anche se non prova di aver rifiutato l’operazione se informato sui rischi. Ciò vale anche quando l’intervento chirurgico è stato eseguito in modo corretto e la complicanza è dovuta alla cicatrice.

La sentenza è stata emessa in seguito alla condanna dell’azienda sanitaria a pagare un risarcimento di 7 mila euro a un paziente che ha subito una lesione del diritto all’autodeterminazione per la mancanza di un consenso informato corretto.

I giudici di legittimità hanno stabilito che ogni evento correlabile alla prestazione sanitaria prevedibile in base alla letteratura medica è una complicanza, anche se il paziente non prova di aver rifiutato l’intervento.