Russia: intelligence ucraina vuole attaccare Kharkiv (Ucraina) con materiale radioattivo

La Russia afferma che l’intelligence ucraina prevede di effettuare un attacco sotto falsa bandiera con materiale radioattivo a Kharkiv (Ucraina) e incolpare Mosca. “Il Servizio di sicurezza dell’Ucraina [SBU], insieme ai militanti del...

Russia: intelligence ucraina vuole attaccare Kharkiv (Ucraina) con materiale radioattivo

La Russia afferma che l’intelligence ucraina prevede di effettuare un attacco sotto falsa bandiera con materiale radioattivo a Kharkiv (Ucraina) e incolpare Mosca.

Il Servizio di sicurezza dell’Ucraina [SBU], insieme ai militanti del battaglione Azov, stanno preparando un attacco sotto falsa bandiera con possibile contaminazione radioattiva nell’area vicino alla città di Kharkiv”, ha affermato il ministero della Difesa russo in un rapporto pubblicato domenica.

La difesa russa ha spiegato che i nazionalisti ucraini hanno estratto un reattore in un impianto nucleare sperimentale presso l’Istituto di fisica e tecnologia di Kharkov. Infatti, prosegue il rapporto, i combattenti ucraini intendono far saltare in aria il reattore e accusare le forze armate russe di aver lanciato un attacco missilistico contro un impianto nucleare sperimentale.

Il rapporto fa anche riferimento all’arrivo di un gruppo di giornalisti stranieri a Kharkov il 6 marzo, sottolineando che il loro compito sarà “documentare le conseguenze della provocazione con la conseguente accusa alla Federazione russa di aver creato una catastrofe ecologica”.

Da parte sua, il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashénkov, aveva già avvertito venerdì scorso degli sforzi compiuti dai nazionalisti ucraini per effettuare un attacco sotto falsa bandiera con la partecipazione di giornalisti occidentali a Kharkov.

Konashenkov ha detto all’epoca che lo scopo dell’attacco sotto falsa bandiera è quello di provocare il fuoco di ritorsione dell’artiglieria russa sul settore residenziale di Kharkov, mentre tutto questo viene filmato dalle telecamere e successivamente trasferito ai giornalisti occidentali.

La Russia ha annunciato il 24 febbraio l’inizio di un’operazione militare speciale nell’Ucraina orientale, secondo le autorità russe, in reazione al comportamento aggressivo di Kiev nella regione del Donbas (Ucraina orientale) e all’atto dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) di ignorare sempre le richieste di sicurezza di Mosca.

Il governo russo ha, tuttavia, ribadito in più occasioni che non vi è alcuna minaccia per la popolazione civile e che i suoi attacchi prendono di mira solo le infrastrutture militari ucraine. [Fonte: hispantv.com]