Perché la Gran Bretagna Globale è disposta a rischiare una Guerra Nucleare?

Mentre le economie occidentali precipitano verso il collasso sistemico, l’alleanza economica tra Russia e Cina, cementata durante il vertice Putin-Xi Jinping del 4 febbraio, che rappresenta un passo verso la piena integrazione dell’Unione...



Mentre le economie occidentali precipitano verso il collasso sistemico, l’alleanza economica tra Russia e Cina, cementata durante il vertice Putin-Xi Jinping del 4 febbraio, che rappresenta un passo verso la piena integrazione dell’Unione economica eurasiatica con la Cina, rappresenta un’alternativa attraente per molte nazioni riluttanti a subire il Great Reset, in cui devono sacrificare la propria sovranità alle banche centrali occidentali. [Harley Schlanger]

Nel suo tour virtuale dei capi dei suoi alleati questa settimana, il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha fatto un’ammissione sorprendente. Dopo anni di campagne per l’ammissione dell’Ucraina all’alleanza militare della NATO, ha riconosciuto che ciò non accadrà. Nonostante le ripetute promesse dei leader transatlantici che “la porta per l’adesione alla NATO è aperta”, ha detto che ora si rende conto che “non possiamo varcare quelle porte”. Questa è la verità e dobbiamo solo accettarla così com’è”. Come ha osservato il quotidiano londinese Telegraph a favore della guerra, la concessione di Zelenskyy “è andata vicino a soddisfare una richiesta di Putin”, il quale ha affermato che dare all’Ucraina l’adesione alla NATO avrebbe “attraversato una linea rossa”.

Zelenskyy ha anche accennato alla sua disponibilità a portare avanti l’attuazione dell’Accordo di Minsk II sullo status delle aree contese nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, che ora sono riconosciute dalla Russia come repubbliche popolari indipendenti. Ciò implica l’accettazione di un’altra delle condizioni del presidente russo Vladimir Putin per porre fine alle operazioni militari. Ha aggiunto che i negoziati in corso con la Russia stanno andando “abbastanza bene”.

Se avesse rilasciato queste dichiarazioni quattro settimane fa, Putin potrebbe non aver lanciato operazioni militari speciali in Ucraina.

Tuttavia, mentre faceva queste concessioni, supplicava i membri del parlamento di Ottawa, Bruxelles, Londra e Berlino, e i membri del Congresso a Washington, di fornire più armi e aiuti militari all’Ucraina e di emanare un zona di divieto di volo sul tuo paese, sapendo che fare quest’ultimo rischierebbe una guerra tra Russia e NATO. Mentre la posizione ufficiale dei leader della NATO è stata quella di rifiutare questo, alcuni squilibrati falchi di guerra statunitensi e britannici continuano a spingere per un’azione più diretta contro la Russia, incluso il sostegno a una no-fly zone, e sanzioni più severe. Il fatto che Zelenskyy continui a perseguire questo obiettivo, nonostante abbia riconosciuto l’inutilità di un tale corso,

Tali atteggiamenti riflettono un odio patologico nei confronti della Russia, che è stato alimentato dalla guerra psicologica condotta dalle agenzie di intelligence statunitensi e britanniche, che è rafforzato dall’incessante promozione della narrativa nei media occidentali, che detiene una credenza delirante nel potere militare ed economico degli Stati Uniti e della NATO, e la loro capacità di imporre un mitico “ordine basato sulle regole (RBO); e l’altrettanto delirante convinzione che la Russia alla fine sarà costretta a sottomettersi alla RBO è guidata dai timori che, mentre le economie occidentali precipitano in un collasso sistemico, l’alleanza economica tra Russia e Cina, cementata durante il vertice Putin-Xi Jinping del 4 febbraio,

Questa narrazione ignora la realtà dell’effettiva natura degli obiettivi militari della Russia, che l’analista militare colonnello (in pensione degli Stati Uniti) Douglas Macgregor ha descritto come “in gran parte completi”. Macgregor ha detto a GrayZone il 15 marzo: “La guerra, a tutti gli effetti, è decisa. L’intera operazione dal primo giorno si è concentrata sulla distruzione delle forze ucraine. Questo è stato in gran parte completato”. Questo viene ignorato, ha aggiunto, perché “in Occidente non c’è verità. Ci sono illusioni e c’è questa impressione di successo da parte degli ucraini che non viene sostenuta”. Pertanto, le nazioni transatlantiche rimangono impegnate nel continuo riarmo dell’Ucraina, poiché l’Occidente sembra contento di combattere la Russia fino all’ultimo ucraino.

Guerra economica contro la Russia

Come chiariscono i commenti di Macgregor, la promozione di queste narrazioni non riguarda la difesa della “libertà” e della “sovranità” dell’Ucraina e del suo popolo. Il rifiuto di negoziare seriamente con Putin, per soddisfare la sua richiesta di garanzie di sicurezza per la Russia, è stato dettato dall’intenzione di distruggere la Russia, di portare a termine l’opera iniziata negli anni di Eltsin, quando la Russia precipitò nel collasso demografico per il saccheggio che la guerra economica della “terapia d’urto” contro di essa significava.

L’obiettivo del regime sanzionatorio, come hanno esplicitamente affermato i funzionari in un briefing anonimo della Casa Bianca il 25 gennaio a media selezionati, è quello di “devastare” l’economia russa e ostacolare qualsiasi sforzo di modernizzazione e diversificazione in corso. governo. In caso di successo, credono, Putin verrebbe screditato e si aprirebbe la porta per una rivoluzione colorata di successo in Russia. Hanno ammesso che la pianificazione del doloroso regime di sanzioni era in corso da mesi, confermando il commento di Putin secondo cui le sanzioni sarebbero arrivate indipendentemente dal corso che avrebbero seguito in Ucraina.

Il presidente Joe Biden si è vantato di quanto sia “duro” con Putin e la Russia nel suo discorso sullo stato dell’Unione, indicando le sanzioni che ha imposto. Prima che la Russia iniziasse le sue operazioni militari in Ucraina, il Segretario di Stato Antony Blinken ha intrapreso un lungo tour, propagandando il dolore che sarebbe stato inflitto alla Russia se i suoi militari avessero messo piede in Ucraina. La stessa linea è stata pronunciata dal primo ministro britannico Boris Johnson, dal presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dal segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Ma mentre vari funzionari transatlantici si congratulano con arroganza per i danni causati dalla guerra economica che hanno lanciato, l’importanza del ruolo britannico nel fomentare queste operazioni distruttive contro Russia e Cina non va sottovalutata; dopotutto, gli inglesi sono da tempo impegnati in una guerra economica a difesa del loro impero, che risale al ruolo dei malthusiani neoliberali della British East India Company, e alle loro azioni che hanno portato alla morte tra uno e due milioni di irlandesi nella carestia delle patate tra il 1845 e il 1852 e le ondate di carestie che hanno attraversato l’India tra il XVIII e il XX secolo, con decine di milioni di morti.

Gli strumenti utilizzati oggi possono essere diversi, ma l’intenzione è la stessa, per contenere la potenziale minaccia rappresentata dagli stati sovrani alle operazioni mortali di saccheggio gestite dall’oligarchia finanziaria della City di Londra. E mentre la Gran Bretagna oggi non ha il potere di guidare unilateralmente l’ordine del dopo Guerra Fredda, gli Stati Uniti agiscono come il principale esecutore militare del nuovo impero, operando sotto la direzione di banche transatlantiche, assicurazioni e altri cartelli aziendali interconnessi.

Gli inglesi in testa

La brutta faccia di questa nuova politica malthusiana è il ministro degli Esteri, Liz Truss, che si è imposta come esecutrice della nuova politica imperiale guidata dalla City di Londra, la “Global Britain”. Truss ha illustrato la fase successiva della guerra economica in un discorso pronunciato il 10 marzo all’Atlantic Council, un think tank anglo-americano finanziato dai governi statunitense e britannico, dalla NATO e dai cartelli aziendali del complesso militare-industriale.

Il Consiglio Atlantico ha una divisione speciale incaricata di redigere sanzioni sempre più severe, guidata da Daniel Fried, l’ex direttore delle sanzioni del Dipartimento di Stato americano sotto il presidente Obama. Fried ha guidato la politica delle sanzioni iniziali contro la Russia, dopo che il Cremlino ha reagito al colpo di stato della Rivoluzione Colorata guidato dagli Stati Uniti a Kiev nel febbraio 2014. Truss ha delineato, nel suo discorso al Consiglio Atlantico, l’intenzione della Gran Bretagna di usare l’attuale guerra contro la Russia come un crogiolo elaborare una nuova architettura imperiale di sicurezza globale e struttura economica, che vada contro i principi della Carta delle Nazioni Unite,

La crisi ucraina, ha detto, è…

“Un cambio di paradigma dell’entità dell’11 settembre e il modo in cui rispondiamo oggi daranno il tono a questa nuova era. Se lasciamo che l’espansionismo di Putin rimanga senza risposta, invieremo un messaggio pericoloso agli aspiranti aggressori e autoritari in tutto il mondo, e semplicemente non possiamo permettere che ciò accada. Dobbiamo partire dal principio che l’unica cosa che gli aggressori capiscono è la forza. [Ma non stiamo ancora facendo abbastanza, [ha detto, descrivendo i prossimi passi per distruggere la Russia:] Vogliamo una situazione in cui non possono accedere ai loro fondi, non possono cancellare i loro pagamenti, il loro commercio non può fluire , le loro navi non possono attraccare e i loro aerei non possono atterrare…. E dobbiamo fare di più per fornire armi difensive… Faremo tutto questo e daremo forma a questa nuova era globale per la sicurezza mondiale”.
Nel presentare il suo caso, Truss ha esposto i punti di discussione elaborati dal guru delle sanzioni del Consiglio Atlantico Daniel Fried, che è stato coautore di un articolo pubblicato dal think tank il giorno prima del suo discorso, “Che cosa resta da sanzionare in Russia? Portafogli, azioni e investimenti esteri”. Fried e co-autore Brian O’Toole, ex consigliere dell’Office of Foreign Assets Control del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, scrivono che l’impatto delle sanzioni imposte finora è stato quello di “appiattire la Russia” in modo che “la ‘Fortezza Russia’ no esiste più a lungo”. Isolando la Russia, le sanzioni “significano un disastro per il popolo russo”. Ma mentre Putin continua ad attaccare, “l’Occidente deve continuare a sviluppare opzioni di escalation” fino a quando la Russia non si ritirerà dall’Ucraina e fornirà aiuti per ricostruire il Paese.

Fried e O’Toole concludono che ritirare o sospendere le sanzioni dopo la fine della guerra sarebbe “complesso”, dal momento che le promesse di Putin “semplicemente non ci si può fidare”. Ciò implica fortemente che la loro intenzione è di mantenere un regime di sanzioni permanenti.

La richiesta di misure più estreme contro la Russia è stata proseguita dall’amministratore delegato del Consiglio Atlantico Frederick Kempe in un articolo pubblicato il 13 marzo dal titolo “La risposta occidentale a Putin è stata notevole. Ma non basta”. Dopo aver affermato che le consegne di armi all’Ucraina sono “impressionanti”, le sanzioni economiche e finanziarie sono “senza precedenti” e “storiche” e che il “sostegno transatlantico e internazionale era imprevisto… questo non basta”. Occorre fare di più, “e rapidamente… più sanzioni, più supporto militare e più unità internazionale”.

Citando la dichiarazione dell’ex segretario alla Difesa americano Robert Gates sulla “sfida russa e cinese… all’ordine pacifico”, definisce le operazioni militari di Putin in Ucraina “una sfida epocale”. Dopo aver appoggiato le proposte di Fried e O’Toole, conclude affermando che “Putin ha perso”, ma i suoi avversari non hanno ancora vinto. “Quello che è stato realizzato finora contro Putin è notevole, ma rimane insufficiente”.

Fine del gioco dell’intelligence britannica

Un programma più estremo per la distruzione economica della Russia è stato pubblicato da Chatham House, una filiale dell’intelligence britannica, il 17 marzo, con il titolo “Una pace negoziata con la Russia è irta di pericoli”. È stato scritto da James Nixey, che è il direttore del programma Russia-Eurasia a Chatham House. Inizia rimproverando l’Unione europea per la sua “recente brutta storia di pressioni con successo su Stati indipendenti affinché facciano concessioni alla Russia ‘accettando l’inevitabile'”. Cita come esempio l’accordo di Minsk II, scrivendo: “L’Ucraina è stata costretta a firmare un secondo accordo di Minsk a condizioni favorevoli alla Russia”, che, se attuato, “avrebbe effettivamente segnato la fine” dell’Ucraina.

Dopo aver accusato Putin di aver minacciato l’uso delle armi nucleari come “parte regolare del suo repertorio”, come “tattica diplomatica di successo”, afferma che la Russia non ha alcun interesse per la de-escalation. Solo “contromisure di ampio respiro possono avere un effetto… non sanzioni ordinarie, ma sanzioni massicce, lo ‘schiacciamento degli oligarchi’, il disinvestimento, soprattutto nel boicottaggio energetico, culturale e sportivo, il sostegno alla resistenza ucraina con forze militari, economiche e aiuti umanitari, e le garanzie del ricorso penale internazionale….”.

L’idea alla base del sostegno agli aiuti militari per la “resistenza ucraina” è stata esposta in un articolo del Washington Post del 5 marzo: “Gli Stati Uniti e i loro alleati si preparano silenziosamente per un governo ucraino in esilio e una rivolta di lunga data”. include il sostegno alle operazioni di guerriglia contro gli “occupanti russi”. Il fatto che si stia prendendo in considerazione un tale piano mostra in definitiva che l’obiettivo finale non è il sostegno alla “democrazia” in Ucraina, né l’amore per il popolo ucraino. Questa sarebbe una ripetizione delle conseguenze, in definitiva disastrose, del sostegno degli Stati Uniti all’opposizione al regime sostenuto dai sovietici in Afghanistan, che ha armato i talebani e Al Qaeda; e un risultato simile della fornitura di armi e addestramento ai “ribelli moderati” in Siria,

Il futuro previsto dell’impero, evidente nel linguaggio di coloro che chiedono un cambio di regime in Russia e Cina, è la divisione del mondo in blocchi in competizione impegnati in una guerra permanente, che operano all’interno di una nota dittatura malthusiana dei banchieri centrali globali. Ripristina.” Coloro che rifiutano questa visione distopica possono unirsi allo Schiller Institute, per organizzare un nuovo paradigma, basato sulla creazione di un’architettura finanziaria e di sicurezza che promuova il reciproco vantaggio di tutte le nazioni e popoli sovrani.


Fonte: Harley Schlanger, in The LaRouche Organization: “Why Is Global Britain Willing To Risk Nuclear War?”.

Potrebbe interessarti...